Disturbi dello spettro autistico (e.g. Wainer & Ingersol, 2011)
VR come ambiente protetto in cui esercitare skills sociali problematiche.

Disturbi sessuali (Optale et al., 2006)
VR integrata nella terapia psicodinamica di disfunzioni sessuali di origine psicogena come catalizzatore di elaborazione di contenuti simbolici relativi all'identità sessuale.

Demenze/riabilitazione cognitiva (e.g. Buss, 2014)
VR come ambiente protetto e realistico in cui allenare skills e funzioni cognitive deficitarie (es. scenario del supermercato per soggetti affetti da Alzheimer).

Gestione dello stress (e.g. Villani & Riva, 2008)
Generazione di ambienti rilassanti in VR, con riduzione parametri fisiologici e aumento emozioni positive.

Deficit da disattenzione e iperattività (ADHD) (e.g. Anton et al., 2009)
Ambiente VR come strumento diagnostico ma anche terapeutico (CBT non si svolge nello studio del terapeuta ma “direttamente” in classe).

Dipendenze da sostanze (e.g. Hone-blanchet et al., 2014 review)
Esposizione a stimoli che generano craving e lavoro di prevenzione della risposta ed elaborazione emotiva.

Disturbi di personalità (e.g. Navarro-Halo et al., 2016)
Scenario VR usato per implementare abilità di Mindfulness in soggetti con DP Borderline trattati con DBT.



it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano