Progetto Bullying VR

Evolve VR in stretta collaborazione con vari professionisti esperti propone un progetto volto a sensibilizzare e intervenire sulla problematica del bullismo utilizzando la Realtà Virtuale.

Introduzione
Negli anni le relazioni sociali che avvengono all’interno dell’ambito scolastico sono diventate sempre più complesse. Soprattutto con l’avvento della comunicazione digitale, questo fenomeno ha sicuramente esaltato tutti gli aspetti vessatori, ampliando notevolmente le conseguenze psicologiche sui ragazzi e sulle ragazze vittime, autori e spettatori di questi comportamenti violenti, andando poi a destabilizzare gli equilibri e il benessere del singolo e della classe.
Negli ultimi anni sono molteplici gli interventi di prevenzione e sensibilizzazione rispetto a questa tematica. La tecnologia, che ha contribuito a diffondere in maniera importante questo fenomeno, nei programmi di prevenzione diventa complice nel cercare di risanare gli equilibri sociali e ripristinare i valori che dovrebbero essere diffusi e presenti nelle istituzioni e non solo.

 

Perché la realtà Virtuale?
La realtà virtuale è stata largamente studiata dagli anni 80 dimostrando la sua efficacia in vari contesti applicativi, in particolare troviamo svariate ricerche che attestano la sua efficacia nell’ambito terapeutico ed educativo.
Con la realtà virtuale abbiamo la possibilità di vivere un’esperienza in prima persona all’interno di un mondo simulato molto vicino alla nostra realtà in modo rappresentativo e/o fedele ad esso. Pertanto l’utente diventa un attivo costruttore della propria esperienza, e quindi del cambiamento.
Inoltre, offre un’opportunità assai interessante e fondamentale soprattutto nel riconoscimento delle emozioni e nel consapevolizzare azioni e conseguenze. Vivere l’esperienza in prima persona fornisce un livello di coinvolgimento e consapevolezza che difficilmente si può avere con altri approcci didattici.

Se assumiamo che è attraverso l’interazione senso-motoria che si interpreta il mondo, l’ampia possibilità di interazione consentita nei sistemi di realtà virtuale, ed il senso di presenza che ne deriva, farà in modo che l’ambiente simulato divenga uno dei tanti mondi possibili da cui acquisire conoscenza.

 

Cambia punto di vista!
In questo progetto, l’utente sarà coinvolto all’interno di un percorso guidato che gli permetterà di impersonare i vari attori coinvolti nelle situazione del bullismo e di vivere una storia a bivio.

La Vittima di Bullismo (ragazzo)
Nel primo racconto, l’utente vestirà nei panni della cosiddetta vittima di bullismo. In questo scenario l’utente dovrà evitare che il suo avatar cada sotto le provocazioni dei bulli attraverso la scelta di risposte multiple.

La Vittima di Bullismo (ragazza)
Nel secondo racconto, l’utente vivrà l’esperienza immedesimandosi in una ragazza presa di mira da parte di altre ragazze. In questo scenario l’utente dovrà evitare che il suo avatar cada sotto le provocazioni dei bulli attraverso la scelta di risposte multiple.

Il Cosiddetto Bullo
Nel terzo racconto, l’utente si vedrà nei panni del cosiddetto bullo adottando un comportamento vessatorio e violento su di un ragazzo, prendendo atto però delle pesanti conseguenze emotive che le sue scelte da bullo porteranno.

Lo Spettatore
Nel quarto racconto l’utente impersonificherà lo spettatore, colui che assiste ad una scena di bullismo. In questa situazione lo spettatore avrà la possibilità di agire, o di non fare nulla. Ma quest’ultima scelta porterà l’utente a sperimentare delle amare conseguenze che derivano dal suo silenzio.

 

 

Per informazioni info@evolvevr.ch

en_USEnglish